elio

BONUS BEFANA, SUPERBONUS ASSUNZIONI E SGRAVI FISCALI: LE NUOVE NORME DEL GOVERNO PER SOSTENERE LAVORATORI E IMPRESE

6 Maggio 2024
Uniservizi.na

Un’indennità, a partire da gennaio 2025, per i lavoratori dipendenti con famiglia e redditi medio-bassi. Premi di produzione tassati solo del 10% (fino a un importo massimo di 3mila euro) dal prossimo anno in poi e la conferma del taglio del cuneo fiscale e contributivo.

Arrivano dal Governo nuove norme in materia giuslavoristica con cui il Consiglio dei Ministri mette sul piatto importanti sgravi fiscali per le aziende che assumono – soprattutto quando sono ubicate nel Sud Italia.

Bonus Befana

Si parte da quello che è già stato ribattezzato “Bonus Befana”. Si tratta di una misura una tantum che varrà fino a 100 euro in busta paga per una selezionata platea di lavoratori dipendenti: quelli con un reddito complessivo nel 2024 non superiore a 28.000 euro e che abbiano coniuge e almeno un figlio a carico (quindi solo le famiglie monoreddito), oppure per le famiglie monogenitoriali con un unico figlio a carico. L’operazione riguarderà circa un milione di famiglie. Si tratta di un “primo tassello” sulle buste paga a cui seguirà un intervento strutturale sulle tredicesime.

Superbonus assunzioni

Confermata la decontribuzione per sostenere l’occupazione dei giovani, delle donne e di alcune categorie di lavoratori svantaggiati, come già previsto dalla delega fiscale. La misura però non è ancora operativa. I ministeri dell’Economia e del Lavoro stanno mettendo a punto un decreto interministeriale per fissare le regole di applicazione. Si prevede la riduzione degli oneri contributivi per i nuovi assunti per due anni attraverso una super deduzione del costo del lavoro pari al 120%, che sale al 130% per giovani, donne e soggetti già beneficiari del reddito di cittadinanza.

Attività autonome

Accanto alle misure per sostenere il lavoro dipendente, secondo quanto anticipato dal Governo, saranno previste specifiche disposizioni per favorire l’avvio di nuove attività autonome distinte per il Centro-Nord e il Mezzogiorno. Per la prima area geografica è previsto, tra l’altro, un voucher fino a 30mila euro per l’acquisto di beni necessari all’avvio di una nuova attività; al Sud il voucher arriva a 40mila euro. Previste anche misure per riqualificare i lavoratori di grandi imprese in crisi per favorire l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro.

Come orientarsi tra le novità normative

Quelli introdotti dal Governo sono solo gli ultimi interventi in ordine temporale nel vasto panorama normativo in materia di diritto del lavoro. Un ambito in continua evoluzione, con l’introduzione di nuove leggi e regolamenti che richiedono alle aziende di adeguarsi per rimanere conformi. Per gli imprenditori, stare al passo con queste novità può essere un compito impegnativo, soprattutto se non si dispone delle conoscenze e degli strumenti necessari. In questo contesto, la giusta consulenza può rivelarsi un alleato prezioso per tutelare la propria azienda e garantirne la tranquillità.

Sono molti i vantaggi che derivano da questo tipo di servizio:

Evitare sanzioni e contenziosi – L’inadempimento alle norme in materia di diritto del lavoro può comportare sanzioni amministrative e persino contenziosi legali, con gravi conseguenze per l’azienda. La consulenza di un esperto aiuta a prevenire queste problematiche, garantendo di operare sempre nel rispetto della legge.
Gestire i rapporti di lavoro in modo efficace – Un consulente del lavoro può supportare gli imprenditori nella gestione quotidiana dei rapporti di lavoro con i propri dipendenti, dalla stipula dei contratti di lavoro alla gestione delle ferie e delle assenze, fino alla risoluzione di eventuali controversie.
Ottimizzare i costi – Esperti in diritto del lavoro possono aiutarti a ottimizzare i costi aziendali, evitando di incorrere in sanzioni o di dover affrontare contenziosi legali costosi. Inoltre, un consulente può individuare eventuali aree di miglioramento nella gestione dei rapporti di lavoro, contribuendo così ad aumentare la produttività e l’efficienza dell’azienda.

Siamo al tuo fianco per un ambiente di lavoro sicuro e produttivo!

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Antonio Ciccarelli

CONTATTI

ciccarelli@unindustria.na.it

Tel. 081 5836153

Leave a comment

Articoli recenti

  • AL VIA IL CREDITO D’IMPOSTA PER LA ZES UNICA MEZZOGIORNO: INVIO COMUNICAZIONI DAL 12 GIUGNO AL 12 LUGLIO 2024
    Entra nel vivo il credito d’imposta nella Zona Economica Speciale (ZES) Unica Mezzogiorno, istituita il 1° gennaio 2024 in sostituzione delle otto ZES dell’Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna. Le imprese hanno un mese di tempo per prenotare il tax credit per gli investimenti realizzati o da realizzare nel 2024, inviandole relative ...
  • QUATTORDICESIMA 2024, IN ARRIVO LA MENSILITÀ AGGIUNTIVA PER I DIPENDENTI. A CHI SPETTA E COME SI CALCOLA IN BUSTA PAGA
    Si avvicina il momento della quattordicesima 2024, la mensilità aggiuntiva che tra metà giugno e metà luglio verrà erogata ad alcune categorie di lavoratori dipendenti e ai pensionati a reddito basso. Si tratta di una somma che viene calcolata in busta paga o nel cedolino della pensione. E’ chiamata anche “gratifica feriale”, proprio come la tredicesima ...
  • NAPOLI SI CONFERMA CAPITALE DEL TURISMO, TRA ARTE, MEETING E CONGRESSI. LE STRATEGIE PER COSTRUIRE EVENTI DI SUCCESSO
    Napoli scala la classifica delle cento città più apprezzate d’Europa collocandosi al 26esimo posto. Lo stabilisce lo studio di Resonance, società leader di consulenza nei settori del turismo, sviluppo economico e investimenti immobiliari, che ha utilizzato “turismo e appeal per gli investitori” come principali parametri nella stesura della graduatoria.E Napoli, stando a questi indicatori, è preceduta in Italia ...
  • INVESTIMENTI IN IMPIANTISTICA E INFRASTRUTTURE DIGITALI: LA SPINTA VERSO LA TRASFORMAZIONE DELLE PMI
    Nel panorama italiano, la digitalizzazione rappresenta un elemento chiave per la crescita e la competitività delle imprese. In questo scenario, gli investimenti in impiantistica e infrastrutture digitali assumono un ruolo fondamentale per abilitare nuovi modelli di business, ottimizzare i processi e migliorare l’esperienza del cliente. Un trend in crescitaSecondo Osservatorio Digital B2B di SDA Bocconi ...
  • CALAMITÀ NATURALI, POLIZZA OBBLIGATORIA PER LE IMPRESE ENTRO FINE 2024
    Cambiamenti climatici, cementificazione selvaggia e scarsa cura del territorio incidono pesantemente sui danni provocati dalle catastrofi naturali e ora, anche in Italia, arriva l’obbligo per le aziende di assicurarsi contro i danni ambientali. Solo il 7% delle Pmi l’ha già fatto, ma la nuova Legge di Bilancio stabilisce che tutte le imprese con sede legale nel ...

Categorie