elio

SOSTENIBILITÀ, 7 IMPRESE ITALIANE SU 10 HANNO EFFETTUATO INVESTIMENTI NEL 2023

24 Giugno 2024
Uniservizi.na

Gli investimenti in sostenibilità ambientale sono in costante aumento negli ultimi tre anni.
Secondo lo studio dell’Osservatorio sulla Clean Technology, in particolare, nel 2022 le aziende che avevano investito per ridurre il proprio impatto ambientale, migliorare la propria efficienza energetica o per attivare processi di economia circolare erano il 45%.

Nel 2024 la percentuale è in forte aumento, pari al 69% delle piccole e medie imprese, quota che raggiunge il 79 nelle grandi aziende.

Nell’ambito della transizione ambientale, il primo tra i temi ritenuti prioritari per il Paese è la riduzione dei rifiuti (per il 54% delle imprese), con a seguire la tutela dell’ambiente (46%) e l’efficienza energetica (44%).

Il sentiment delle aziende

In questo contesto di crescente attenzione e consapevolezza verso le tematiche ambientali, emerge però che sono ancora molte le aziende italiane che non hanno un piano industriale legato alla sostenibilità (l’80%), dato che resta comunque molto alto anche nelle aziende di grandi dimensioni (il 61%). Per contro, sono sempre di più le imprese che si stanno strutturando per gestire in modo dedicato le tematiche green: nel 18% delle imprese italiane esiste un team o un’area riservata alla sostenibilità, un dato destinato a crescere e che è raddoppiato rispetto allo scorso anno (era il 10%).

Ma quali sono i vantaggi di business derivanti dall’impegno green?

Ridurre il proprio impatto ambientale (per l’81% delle imprese) e migliorare la propria reputazione (74%) sono i vantaggi primari a cui le aziende italiane ambiscono nel proprio percorso verso la sostenibilità. Di pari passo e con una consapevolezza e una motivazione altrettanto diffuse, le imprese si aspettano anche un ritorno economico dai propri investimenti in sostenibilità (lo dichiara il 73% delle imprese intervistate). Non solo, un’azienda su due ha già riscontrato un impatto positivo sul proprio conto economico, in particolare in termini di maggiore efficienza e riduzione dei costi (per 6 imprese su 10 tra quelle che hanno avuto un vantaggio economico).

Sostenibilità e competitività: un binomio vincente

L’efficientamento energetico, inoltre, non è solo una questione di responsabilità ambientale, ma anche un’opportunità tangibile per migliorare la competitività e aumentare i profitti. Riducendo i consumi energetici superflui e implementando tecnologie innovative, le aziende possono non solo ridurre i costi operativi, ma anche migliorare la propria reputazione, adeguandosi alle normative ambientali.
Con i servizi legati all’efficientamento energetico, consulenti specializzati offrono alle aziende
Analisi energetica: valutazione dei consumi e individuazione delle aree di spreco.
Progettazione e realizzazione di interventi di efficientamento: dall’illuminazione agli impianti di climatizzazione, fino all’installazione di sistemi di generazione di energia rinnovabile.
Monitoraggio dei risultati: verifica costante dei risparmi energetici ottenuti.

Scegli la sostenibilità per il successo della tua azienda!

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
Antonio Ciccarelli
CONTATTI
ciccarelli@unindustria.na.it
Tel. 081 5836153

Leave a comment

Articoli recenti

  • WHISTLEBLOWING: NUOVE REGOLE PER SEGNALARE ILLECITI SUL LAVORO. COSA È CAMBIATO PER LE AZIENDE
    Dal 17 dicembre 2023, le aziende hanno nuovi obblighi in materia di whistleblowing, ovvero il sistema che permette ai lavoratori di segnalare in modo sicuro violazioni della legge o illeciti di cui vengono a conoscenza sul posto di lavoro. Questi obblighi derivano da una direttiva europea (la 2019/1937) e sono stati introdotti in Italia con ...
  • WELFARE INDEX PMI: LE PICCOLE IMPRESE SUPERANO LE GRANDI AZIENDE NELLA SPESA PER IL WELFARE
    Dai dati del Rapporto Welfare Index PMI 2024, promosso da Generali con SME EnterPRIZE e patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, emerge il ruolo sempre più importante delle Piccole e medie imprese nel sostegno alle comunità e alle famiglie. Queste, infatti, stanno sono più veloci nell’implementare piani di benessere e spendono molto di più ...
  • DECONTRIBUZIONE SUD: VIA LIBERA ALLA PROROGA FINO AL 31 DICEMBRE 2024
    La Commissione europea ha autorizzato il prolungamento di altri sei mesi della Decontribuzione SUD, l’ agevolazione che riconosce uno sgravio contributivo del 30% a sostegno dell’occupazione nel Mezzogiorno. La misuraIntrodotta dalla Legge di Bilancio del 2021, la Decontribuzione Sud si inserisce nell’ampio quadro di bonus assunzioni 2024, già recentemente riformato dal Decreto Coesione. Interessa nello specifico ...
  • FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO 2.0. NUOVE FUNZIONI ENTRO IL 2024
    I dati di 60 milioni di italiani (esclusi coloro che entro il 30 giugno hanno espresso il diniego) conservati in un ecosistema digitale che farà risparmiare tempo a tutti e renderà più efficiente la gestione dell’assistenza sanitaria. Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) 2.0 È il nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) 2.0, una delle innovazioni degli ultimi anni nel ...
  • SOSTENIBILITÀ, 7 IMPRESE ITALIANE SU 10 HANNO EFFETTUATO INVESTIMENTI NEL 2023
    Gli investimenti in sostenibilità ambientale sono in costante aumento negli ultimi tre anni.Secondo lo studio dell’Osservatorio sulla Clean Technology, in particolare, nel 2022 le aziende che avevano investito per ridurre il proprio impatto ambientale, migliorare la propria efficienza energetica o per attivare processi di economia circolare erano il 45%. Nel 2024 la percentuale è in ...

Categorie